Superbonus 110% e stato legittimo dell'immobile

La presentazione della particolare CILA dedicata agli interventi del superbonus 110% se da un lato non richiede più l'attestazione dello stato legittimo di cui all' articolo 9-bis, comma 1-bis, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, introdotta dall'articolo 51, comma 3-quinques, del decreto legge n. 104/2020 unicamente - vale la pena ricordarlo - con riferimento alla CILA relativa al superbonus ma ignorata dalla CILA nazionale, dall'altro non per questo si sottrare al principio generalissimo secondo il quale qualsiasi intervento edilizio non può prescindere dalla conformità dell'immobile su cui si interviene.


Superbonus 110% e stato legittimo dell'immobile, di Lorenzo Spallino


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/edilizia/superbonus-110-e-stato-legittimo-dell-immobile/ 

Codice delle comunicazioni elettroniche: il diritto di prelazione dei beni destinati alle reti

Intervenendo nel 2021 sul Codice delle comunicazioni elettroniche per dare attuazione alla direttiva UE  2018/1972, istitutiva del codice europeo delle comunicazioni elettroniche, il legislatore italiano - senza che in alcun modo la direttiva prevedesse alcunché a questo proposito - ha esteso gli istituti della prelazione e del riscatto, di cui alla legislazione sulla locazione del 1978, ai beni destinati alla installazione e all'esercizio degli impianti di reti di comunicazione elettronica ad uso pubblico.


Decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, articolo 51


Link permanente su #PA:


Pandemia e proroga dei titoli abilitativi in Lombardia

Il quadro delle proroghe dei titoli edilizi in Lombardia dopo l'intervento della Corte Costituzionale.


Corte Costituzionale 21 dicembre 2021, n. 245, commento di Fabrizio Donegani


Link permanente su #PA: 


Riviste giuridiche disponibili gratuitamente

Nei primi mesi di quest'anno abbiamo proceduto ad una ristrutturazione dello studio. In quest'ottica abbiamo deciso di tenere, quanto alle riviste, tutto ciò che riguarda il diritto amministrativo e di cui si continua la versione cartacea, mentre il resto, spesso interrotto nel corso degli anni a causa della carenza di spazi, è stato trasferito in uno spazio separato dallo studio. Dopo qualche mese in cui ci siamo accorti che, pur con il massimo ordine, la consultazione è diventata complessa, abbiamo deciso di rendere le riviste che trovate elencate qui sotto, disponibili per chi fosse interessato al ritiro. Ovviamente, gratuitamente. Sono tutte rilegate e in ottimo stato. Per ragioni organizzative non è possibile ritirare singoli numeri, ma unicamente la rivista nel suo complesso.  


Per informazioni, scrivere a l.spallino@studiospallino.it


[le riviste interlineate sono state prenotate: l'elenco è in aggiornamento]


 Rivista Anni
 ARCHIVIO DELLE LOCAZIONE E DEL COMMERCIOdal 1979 al 2012
 BANCA, BORSA E TITOLI DI CREDITOdal 1934 al 2012
 DIRITTO DI FAMIGLIA E DI PERSONEdal 1972 al 2003
 DIRITTO E GIURISPRUDENZA    1947, 1952, 1953, 1959, 1966, 1967, dal 1974 al 1993
 DIRITTO FALLIMENTAREdal 1951 al 2014
 DIRITTO PUBBLICO    1955, 1967, dal 1971 al 2012
 FORO DELLA LOMBARDIA (IL)1931-32
 GIURISPRUDENZA AGRARIA ITALIANA1954, 1955, 1965, 1969, 1970, al 1956 AL 1964
 GIURISPRUDENZA ANNOTATA DI DIRITTO INDUSTRIALEdal 1974 al 2002
 GIURISPRUDENZA COMMERCIALEdal 1974 al 1991
 GIURISPRUDENZA ITALIANAdal 1910 al 2012
 GIUSTIZIA CIVILE REPERTORIO1971, 1973, 1992
 LAVORO E PREVIDENZA OGGIdal 1974 al 1997
 LEX – LE LEGGI dal 1934 al 2005
 NUOVE LEGGI CIVILI COMMENTATE (LE)      dal 1978 al 2011
 MASSIMARIO GIURISPRUDENZA ITALIANAdal 1942 al 2008
 MONITORE DEI TRIBUNALIdal 1860 al 1977
 NUOVO DIRITTO        1959-1979 + AGOSTO -SETTEMBRE 1989
 REPERTORIA GIURISPRUDENZA ITALIANAdal 1899 al 2008
 RESPONSABILITA’ CIVILE E PREVIDENZAdal 1932 al 1942 +1950
 RIVISTA DELLE SOCIETA’dal 1956 al 2012
 RIVISTA DI DIRITTO PRIVATO1932 e n. 1 1996
 RIVISTA DIRITTO COMMERCIALEdal 1903 al 1985
 RIVISTA ITALIANA DIRITTO DEL LAVOROdal 1974 al 1997
 RIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO E PROCEDURA CIVILEdal 1948 al 2008


Piani attuativi, vincoli paesaggistici e ruolo della Soprintendenza

La sentenza ha certamente il merito di definire i confini attraverso i quali da un lato imporre alla Soprintendenza un ruolo attivo nella pianificazione locale e dall'altro preservarne i poteri quando se ne ometta il coinvolgimento.


Commento a T.A.R. Lombardia, Brescia, Sez. II, 12 febbraio 2021 n. 150.


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/paesaggio/piani-attuativi-vincoli-paesaggistici-e-ruolo-della-soprintendenza/ 

Focus sulla l.r. Lombardia n. 18/2019

Lo studio organizza per il 21 e il 28 ottobre 2021 un incontro dedicato alla legislazione della regione Lombardia in tema di semplificazione e incentivazione per la rigenerazione urbana e territoriale, nonché per il recupero del patrimonio edilizio esistente.

In particolare, l'incontro si soffermerà sulle modifiche introdotte con la legge regionale 24 giugno 2021, n. 11, attraverso la quale Regione Lombardia ha in parte riscritto l’art. 40-bis della L.R. 12/2005 contenente le “Disposizioni relative al patrimonio edilizio dismesso con criticità”, parte della più ampia normativa predisposta a livello regionale per favorire la rigenerazione urbana e territoriale. 

L'incontro del 21 ottobre verrà replicato giovedì 28 ottobre con le medesime modalità.

Sono disponibili 7 posti per ogni incontro.

Per informazioni sulle modalità di svolgimento e di iscrizione, visitate la pagina https://www.studiospallino.it/formazione/2021.10.21.htm

Certificazione Covid tramite Green Pass richiesta.

Piani attuativi e oneri di urbanizzazione

Con sentenza n. 4376 dell'8 giugno 2021, la Sezione II del Consiglio di Stato interviene in materia di oneri di urbanizzazione e convenzioni urbanistiche, confermando l'orientamento secondo il quale non è escluso che un operatore possa assumere oneri anche maggiori di quelli astrattamente previsti dalla legge, come tali non correlati al rilascio di titoli edilizi, ma tale obbligo va interpretato alla luce della convenzione, unico titolo costitutivo della pretesa dell'amministrazione.


Consiglio di Stato, Sezione II, 8 giugno 2021 n. 4376 (commento di Lorenzo Spallino)


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/urbanistica/piani-attuativi-e-oneri-di-urbanizzazione

Rigenerazione urbana in Lombardia: il nuovo art. 40-bis

Con legge regionale 24 giugno 2021, n. 11, pubblicata sul BURL il 25 giugno 2021 ed entrata in vigore il giorno successivo, Regione Lombardia riscrive in parte l’art. 40-bis della L.R. 12/2005, introdotto dalla L.R. 18/2019, contenente le “Disposizioni relative al patrimonio edilizio dismesso con criticità”, parte della più ampia normativa predisposta a livello regionale per favorire la rigenerazione urbana e territoriale.


L.R. Lombardia n. 11/2021 (commento di Fabrizio Donegani)


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/edilizia/rigenerazione-urbana-in-lombardia-il-nuovo-art-40-bis/

Superbonus 110% e coibentazione del tetto se il sottotetto non è riscaldato

La Direzione Centrale dell'Agenzia delle Entrate con risposta all'interpello n. 956-1242/2021 ha affermato che 
Ai fini del computo della superficie disperdente lorda,.... non rientra la superficie del tetto quando il sottotetto non è riscaldato.
Il caso prende spunto dall'istanza proposta dal proprietario di una villetta a schiera che intendeva effettuare sia un intervento di isolamento termico (cd. cappotto termico), sui tre lati della unità immobiliare, che un intervento per isolare il tetto della medesima villetta con sottotetto non abitabile e non riscaldato, il tutto al fine di valutare se, alla luce delle modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 (L. n.178 del 30.12.2020) sul D.L. n. 34 del 19.05.2020, tale intervento sul tetto rientrava nel computo della superficie disperdente lorda, ai fini dell'incidenza superiore al 25% rispetto alla superficie totale dell’edificio. 
A tale proposito va precisato, come del resto premesso anche nella risposta dalla stessa Agenzia delle Entrate, che per effetto della modifica apportata dell'art. 1, comma 66, lett. a), n.2) della L. n.178/2020 sull'art. 119, comma 1, del D.L. n.34/2020, nell'ambito degli interventi "trainanti", finalizzati all'efficienza energetica ammessi al Superbonus 110%, rientrano anche gli interventi per la coibentazione del tetto “senza limitare il concetto di superficie disperdente al solo locale sottotetto eventualmente esistente”. 
Elemento che rende, pertanto, irrilevante la presenza di un sottotetto non riscaldato tra la copertura e i vani riscaldati dell’edificio consentendo con conseguenza che il tetto sarebbe sempre compreso fra gli interventi di riqualificazione energetica di coibentazione ai fini del Superbonus 110%. 
Elemento normativo che l’Agenzia delle Entrate, con risposta all'interpello n. 956-1242/2021, non tiene però in considerazione, ponendo come distinguo, per il rientro del tetto, quale intervento di riqualificazione energetica ai fini del Superbonus 110%, il fatto che il sottotetto sia riscaldato o meno.

Rigenerazione urbana in Lombardia: la parola alla Corte Costituzionale

Il TAR Milano  rimette alla Corte Costituzionale la questione di legittimità costituzionale dell'art. 40-bis della Lr 12/2005, sollevata dalla difesa del Comune di Milano in un procedimento in cui viene contestata la legittimità dell'art. 11 delle N.T.A. del Piano delle Regole anche per il presunto contrasto con il citato art. 40-bis della legge regionale. La rimessione pone interrogativi anche sul futuro dei titoli rilasciati in base alla normativa eccezionale creata dalla l.r. n. 18/2019.  


TAR. Lombardia, Milano, Sez. II, ordinanza n. 371 del 10 febbraio 2021, di Fabrizio Donegani


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/urbanistica/rigenerazione-urbana-in-lombardia-la-parola-alla-corte-costituzionale

Superbonus 110% e interventi di ristrutturazione edilizia

Ristrutturazione edilizia e superbonus 110% secondo il comparato disposto della legislazione fiscale e di quella edilizia, con particolare attenzione agli immobili vincolati.


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/edilizia/superbonus-110-e-ristrutturazione-edilizia/ 

Roulotte, camper e case mobili: quando è necessario il titolo edilizio

Il Consiglio di Stato conferma l’orientamento secondo cui le installazioni di manufatti leggeri, prefabbricati e strutture di qualsiasi genere quali roulotte, camper e case mobili, sono equiparabili alle nuove costruzioni e come tali necessitano del permesso di costruire laddove determinino una trasformazione irreversibile o permanente del territorio.


Commento di Cristina Guarisco a Consiglio di Stato, Sez. II, 3 novembre 2020 n. 6768


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/edilizia/roulotte-camper-e-case-mobili-quando-necessario-il-titolo-edilizio/ 

Abusi edilizi: accertamento d'ufficio della possibilità della fiscalizzazione dell'abuso

 Con sentenza 9 novembre 2020, n. 764, il T.A.R. Liguria afferma che non è compito dell'Amministrazione accertare d'ufficio se l'opera abusiva sia sanabile o se vi siano i presupposti per sostituire la sanzione demolitoria con quella pecuniaria.  La decisione si pone nel solco di una giurisprudenza consolidata, che meriterebbe tuttavia una rimeditazione alla luce della sempre più diffusa volontà di incentivare il recupero del patrimonio edilizio esistente.


Commento a TAR Liguria, Genova, Sez. I, 9 novembre 2020, n. 764, a cura di Fabrizio Donegani.


Link permanente: https://www.dirittopa.it/it/interventi/urbanistica/abusi-edilizi-accertamento-d-ufficio-della-sanabilit-e-della-fiscalizzazione-dell-abuso/ 

Scrivere meno, scrivere meglio, scrivere per il lettore

Nel 2020 abbiamo pubblicato meno articoli del 2019 ma abbiamo avuto il 220% di visitatori in più. Scrivere meno non vuol dire avere meno lettori. L'importante è scrivere meglio e farlo per il lettore.


I buoni proponimenti per il nuovo anno della redazione di #PA:


Chiusura studio 31/12/2020 - 6/1/2021

Nell'augurare un nuovo anno finalmente libero dalle preoccupazioni di questo 2020 ormai in scadenza, segnaliamo che lo studio chiuderà il 31 dicembre per riaprire il 7 gennaio 2021.


Per urgenze siamo sempre reperibili sulle caselle di posta personali.  


Da tutto lo studio, il nostro più fervido augurio per un sereno Nuovo Anno.

Copyright © www.studiospallino.it